Si continua con le recensioni. Un attimo che mi scaldo i muscoli.

Baccano!

Baccano! è un anime del 2007 che riprende la storia di un’omonima serie di romanzi scritti da Ryohgo Narita a partire dal 2003.
La serie è composta da 13 episodi, e la sua caratteristica principale è il punto di vista frammentato: quasi tutti i personaggi principali (e sono più di dieci!) ne hanno una, e l’effetto è straniante, almeno nei primi episodi.La scelta è rischiosa, perché poteva condurre ad una frammentazione totale ed ad una perdita del senso della narrazione; Baccano! invece riesce a sfruttare questa caratteristica per intrecciare le vite dei personaggi in modo che il mistero venga risolto un poco alla volta, a tratti, componendo un mosaico grandioso.

La maggior parte della narrazione si svolge su un treno, che negli anni ’30 si dirige da Chicago a New York… e bordo di questo treno, i gruppi più improbabili (una serie di assassini maniacali in vestito bianco, un gruppo di omicidi in nero che vogliono completare un rituale, la famiglia di un Governatore, due capi-mafia, un assassino acrobatico, una banda di ladri di liquore) cercheranno di farsi a fettine a vicenda. Ma la vicenda centrale è senza dubbio quella che concerne alcuni straordinari personaggi noti come immortali, che attraversano il mondo da secoli, divisi nelle fazioni di chi si fa i casi suoi, chi cerca di divorare gli ex-compagni (tramite il palmo della mano destra) per ottenere la ricetta della pozione per l’immortalità, e chi cerca di nasconderla.
E mentre il treno si dirige lungo la ferrovia, nell’arco di una sola notte tutti i nodi di queste varie persone si intrecciano l’un l’altro, si confrontano, per finire poi per disciogliersi nella luce dell’alba.
A fare da cornice a tutto questo, le voci dei doppiatori inglesi, che sono davvero azzeccate e riescono a presentare in maniera ottime le varie personalità dei protagonisti.

Non è una cosa scontata.

Una delle caratteristiche della serie è la presenza di una certa aria italiana: per le vie di New York e Chicago si scorgono negozi con insegne italiane, i personaggi hanno voglia di pizza, si vestono in negozi di cappelli con un nome italiano, ed hanno persino nomi italianeggianti (ad esempio Maiza Avaro, il capo degli alchimisti immortali). Le famiglie mafiose hanno una parte importante, ed uno dei protagonisti ha un cognome molto italiano: l’assassino Ladd Russo; da notare comunque come la mafia venga gestita in maniera molto ingenua, come una grande famiglia con i proprio rituali (quasi priva di lotte di potere interne, peraltro), capace di ridere e scherzare mentre crivella di colpi chi poco le piace, in breve, l’immagine di chi con la mafia non ha mai avuto nulla a che fare. Uno dei pochi punti negativi di Baccano!.
L’altra caratteristica che colpisce subito l’orecchio è la presenza di musica jazz come colonna sonora, capace di rendere l’atmosfera in maniera davvero fantastica: la musica resta davvero uno dei maggiori punti di forza della serie.

In conclusione, Baccano! è una gran bella sorpresa per tutti gli appassionati di anime, una storia che riesce a coniugare fantastico e vita di tutti i giorni, non senza una notevole dose di umorismo e senza mai perdere il senso del ritmo e della tensione.
Senza dubbio una delle migliori serie che abbia mai visto. Promossa a pieni voti!

Baccano si conferma con un difficile esperimento,ma riesce pienamente.

La pagina di wikipedia su Baccano!.
La sigla iniziale della serie in versione animata e in versione estesa.

Annunci