Avevo parlato in questo articolo della mia necessità di aprire dei manuali di scrittura e leggerli, cosa presto fatta. Di seguito c’è la recensione del primo.
A meno che non dica altrimenti, tutti i manuali sono presi su library.nu, che è un ottimo sito di ebook gratuiti, a patto che vi registriate (ce ne sono qualche centinaio di migliaia).

Il primo manuale che ho letto, e scaricato, è sulla trama, ovvero la struttura portante, o meglio la forza della storia.
Secondo Ronald Tobias, autore di 20 Master Plots and How to Build Them, storia e trama son due cose diverse, e riesce a spiegarlo e a convincere il lettore, con esempi molto ben fatti.

Copertina di 20 Master Plots and How to Build Them

Il Libro è di 240 pagine ed è scritto in un inglese di medio livello, con alcuni termini piuttosto difficili, ma senza linguaggio tecnico particolare, il che lo rende accessibile a chiunque sappia leggere una pagina di wikipedia in inglese (a titolo di esempio).
Tutta la prima parte del volume è dedicata a spiegare cosa sia e cosa non sia una trama, sfatando alcuni luoghi comuni (come quelli sul numero “totale” di trame) e mostrando le correlazioni tra trama e personaggi, con alcuni schemini utili e molto intuitivi.

La seconda parte è quella più “pratica”, in cui Tobias mostra 20 trame classiche, dalla Quest alla Rivalità alla Scoperta all’Inseguimento, ciascuna con uno o due esempi celebri (Shakespeare, ad esempio, viene citato molto spesso). Ciascuna di queste schede ha poi in fondo una scaletta riassuntiva che riassume i consigli dati, e spesso sono le parti più utili di tutto il libro.

Una pagina del libro. Tobias fa molti riferimenti a testi famosi, come Romeo e Giuletta. In basso si vede la checklist riassuntiva.

In sostanza, il manuale è un valido aiuto per provare a pensare la trama in modo diverso (e devo dire che rifletterci su più come una forza che come uno scheletro aiuta parecchio), e forse è un suggerimento ancora più valido delle 20 trame “preconfezionate”; insomma è più utile per aprire la mente che per ottenere delle regole già fatte – e questo non fa che aumentarne il valore.

Per quanto mi riguarda, il manuale è stato un ottimo primo contatto con il mondo delle regole della scrittura – ho iniziato a vedere le cose in una diversa prospettiva, più meccanica ma anche più profonda, e in ultimo più utile.
Probabile che nei prossimi tempi mi eserciti su qualcuna di queste trame, con qualche racconto breve.

La prossima volta un manuale invece dell’altra forza motrice della storia: i personaggi.

P.S.
Da questo momento inizierò a scrivere i riassunti degli articoli da presentare nella home page, così da diminuire il tempo di visualizzazione della pagina, e da fornire uno sguardo più vasto e più rapido su Regola Per Sopravvivere, il blog amico dei caricamenti di pagine web. Se la cosa funziona, probabile che la estenda anche ad alcuni degli articoli precedenti.

Annunci