Tag

, ,

Da qualche anno, dietro l’istigazione di pastori americani, in Uganda ha preso piede una rivolta omofoba, capeggiata da alcuni sacerdoti e capipopolo che hanno chiesto varie volte una legge che sancisse il “reato” di omosessualità come punibile con la pena di morte.

David Bahati, il parlamentare che ha proposto la legge.

La comunità internazionale (o quel che ne resta) si è incazzata nera e ha chiesto a gran voce la revoca della legge.
Ho firmato anche io contro la legge, ed oggi ho ricevuto questa mail, che voglio condividere con voi.

Cari amici,

Frank Mugisha e altri attivisti coraggiosi pro-diritti umani consegnano la nostra petizione al Parlamento ugandese poco prima che i leader hanno accantonato la pena di morte contro i gay.
La legge anti-gay ugandese è stata definitivamente accantonata! La settimana scorsa era quasi scontato che passasse, ma dopo 1,6 milioni di firme consegnate al Parlamento, decine di migliaia di telefonate fatte ai nostri governi, il giro del mondo della notizia riguardante la nostra campagna e un’indignazione globale incredibile, i politici ugandesi hanno rinunciato ad adottare questa legge!

E’ stata una battaglia senza esclusione di colpi: gli estremisti religiosi hanno provato a far passare la legge mercoledì, e poi si sono accordati per fissare una sessione d’emergenza del Parlamento venerdì, una tattica mai utilizzata prima. Ma ogni volta, nel giro di poche ore, abbiamo reagito prontamente. Tantissimi complimenti a tutti quelli che hanno firmato, fatto chiamate, inoltrato l’appello e fatto una donazione per questa campagna. Con il nostro aiuto migliaia di persone innocenti della comunità gay ugandese non si sveglieranno questa mattina con una condanna a morte sulla loro testa decisa in base a chi hanno scelto di amare.

Frank Mugisha, impavido leader della comunità gay in Uganda, ci ha inviato questo messaggio:

“I coraggiosi attivisti pro-diritti degli omosessuali ugandesi e i milioni di persone da tutto il mondo si sono uniti e hanno sconfitto questa orrenda legge anti-gay. Il sostegno dalla comunità globale di Avaaz è stato fondamentale per far sì che questa legge venisse bloccata. La solidarietà globale ha fatto la differenza”.

Anche l’Alto Rappresentante dell’UE per gli Affari internazionali ha scritto ad Avaaz:

“Grazie mille. Come sapete, grazie alla pressione esercitata e ai vostri sforzi, uniti a quelli di altri rappresentanti della società civile, all’UE e ad altri governi, insieme alle nostre delegazioni e ambasciate lì presenti, questa mattina la legge non è stata presentata”.

La battaglia non è finita qui. Gli estremisti che vogliono questa legge potranno riprovarci di nuovo fra 18 mesi. Ma questa è la seconda volta che siamo riusciti a sconfiggerli, e andremo avanti finché questi seminatori d’odio non si fermeranno.

Debellare le cause più profonde dell’ignoranza e dell’odio che stanno dietro all’omofobia fa parte di una battaglia storica e molto lunga, una delle cause più nobili della nostra generazione. E l’Uganda è diventato uno dei campi di battaglia più importanti, e un simbolo molto potente. La vittoria in quel paese rimbalza in tutti gli altri luoghi in cui c’è bisogno di speranza, a dimostrazione che l’amore, la tolleranza e il rispetto possono sconfiggere l’odio e l’ignoranza. Ancora una volta, un enorme grazie a tutti coloro che hanno reso questa impresa possibile.

Con enorme gratitudine e ammirazione per questa incredibile comunità,

Ricken, Emma, Iain, Alice, Giulia, Saloni e tutto il team di Avaaz.

La notizia sui media:

Legge anti-gay accantonata (in inglese)

La risposta di Avaaz al risultato positivo sul Guardian (in inglese)

Il Presidente ugandese non ha appoggiato la legge a causa delle “enormi critiche dai gruppi pro-diritti umani” (in inglese)

La legge anti-gay rimandata a seguito dell’indignazione generale (in inglese)

Uganda, nessun dibattito in Parlamento sulla legge contro i gay

Grazie al Duca per avermi messo al corrente di questa cosa.
Qui il video originale.

Almeno per questa volta, glielo abbiamo messo in culo.

Annunci